SOS NATALE

di Alessandro Gambugiati

Come ogni anno, anche quest’anno nei primi giorni di dicembre ho iniziato a lavorare con i miei pazienti alla preparazione del Natale.

La pausa invernale, infatti, rappresenta un momento estremamente delicato per gli equilibri familiari ed è mia abitudine tenerne di conto in seduta.

Più la famiglia del mio cliente è ingrovigliata in dinamiche che non hanno ancora potuto sciogliersi, più è probabile che il Natale venga vissuto con ansia e preoccupazione.

La pausa invernale, infatti, dal punto di vista psicologico è un test formidabile per valutare la qualità delle relazioni all’interno dei vari alberi genealogici.

Le variabili in gioco sono molte: l’atmosfera buonista del Natale e l’improvvisa disponibilità di tempo libero sono soltanto due dei fattori che possono stimolare l’esplosione di conflitti che covano sotto le ceneri della calma apparente.

Lo scambio “spontaneo” dei doni è un’altra variabile in grado di mettere in evidenza ciò che sta funzionando o meno in una certa relazione.

Evitare gli argomenti caldi è la strategia più utilizzata, ma raramente funziona: più la dinamica è compressa, più è alto il rischio di perdere il controllo!

Quest’anno ho pensato di estendere ai lettori della Mailing List dei Soci e degli Amici dell’Ass. Agape Crescere Insieme alcuni piccoli suggerimenti per vivere il Natale con più serenità:

1)      Utilizza la tecnica del diario personale per prendere nota delle emozioni che provi all’idea di incontrare uno o più familiari con i quali le cose non stanno funzionando come vorresti;  

2)     Utilizza il “qui e ora” per allenare la tua mente a stare nel presente con particolare attenzione alle emozioni che sperimenti nelle interazioni con i tuoi familiari;

3)     Scrivi dei resoconti dettagliati dei fatti accaduti durante le interazioni con i tuoi familiari, con particolare attenzione per le emozioni che hai provato.

Le informazioni che raccoglierai con la tecnica della scrittura ti aiuteranno ad elaborare gli eventi e a sperimentare meno passività nelle relazioni: potrebbe non essere una tecnica risolutiva, ma è comunque uno strumento che può ridurre l’impatto di eventi avversi.

Un particolare punto di vista sulla famiglia

di Carla Valeri I servizi per la tutela dei  minori costituiscono, all’interno dei più generali servizi sociali, un sistema di interventi, reti di professionisti,...

Continua a Leggere

Un libro per l’estate : “STAI ZITTA ! di Michela Murgia”

Di Marialessandra Panozzo Ho letto questo libro della Murgia e mi è piaciuto tantissimo. In realtà l’ho ascoltato come audiolibro, perché, nei miei lunghi...

Continua a Leggere

Sul complottismo e sul terrapiattismo

di Alessandro Gambugiati La mia formazione di psicologo e psicoterapeuta mi spinge a riflettere su tutti i fenomeni che caratterizzano l’esperienza umana, nessuno escluso....

Continua a Leggere

Danzaterapia e psichiatria. Integrazione corpo mente emozioni

di Elena Cavacciocchi Racconto alcune esperienze in particolare con una donna, ospite di una Casa d’accoglienza per donne con disturbi psichiatrici. C. ha circa...

Continua a Leggere